Google+
Errore
  • XML Parsing Error at 1:869. Error 9: Invalid character
  • XML Parsing Error at 1:122. Error 9: Invalid character

Galleria Toledo teatro stabile d'innovazione: IO MAI NIENTE CON NESSUNO AVEVO FATTO


clicca qui per le news su Kayenna.com

Galleria Toledo teatro stabile d'innovazione: IO MAI NIENTE CON NESSUNO AVEVO FATTODopo aver vinto la V° edizione della rassegna teatrale per nuove creatività “STAZIONI D’EMERGENZA”, tornano a Galleria Toledo i Vucciria Teatro.  

Dal 9 al’11 gennaio 2015 saranno in scena con ben due spettacoli: “Io, mai niente con nessuno avevo fatto” – con cui hanno vinto anche il Roma Fringe Festival nel 2013 e hanno ottenuto larghi consensi di pubblico e critica al New York Fringe Festival del 2014 – e “Battuage”.

Vucciria Teatro rappresenta una interessante realtà della scena teatrale italiana. Fondata da Joele Anastasi ed Enrico Sortino, la compagnia propone una nuova autorialità volta a stimolare l’incontro fra drammaturgia originale e ricerca attoriale attiva.
La poetica è incentrata su un ”essenzialismo scenico” visto come spinta propulsiva all’azione dei personaggi, gli interpreti sono come “animali”, che scandagliano gli aspetti più oscuri dell’essere umano.

"Io, mai niente con nessuno avevo fatto", interpretato dallo stesso Anastasi, è una storia ambientata in una Sicilia cruda e violenta dove la purezza d’animo del giovane  protagonista veicola la sua passione, il suo amore per il maestro di danza Giuseppe in uno scenario d’istinto e brutalità.

“Battuage”, interpretato da Joele Anastasi  - con Enrico Sortino, Federica Carruba Toscano e Simone Leonardi – è il racconto di quel sottobosco di realtà che, da nord a sud, si fanno ricerca di sesso in tutte le sue declinazioni e perversioni. Un autentico affresco di una dimensione violenta e brutale, ma che allo stesso tempo ci fornisce l’assolutezza di “mastodontiche solitudini” e l’agghiacciante certezza di come in questo cinico scambio di corpi ci sia la morte del desiderio. La storia di Salvatore, protagonista dell’opera, ci mostra la bestia che è dentro ognuno di noi e ci conduce in uno spazio che diviene metaforicamente un “obitorio per vivi”.

Banner

Il Meteo

fbPixel