Google+
Errore
  • XML Parsing Error at 1:869. Error 9: Invalid character
  • XML Parsing Error at 1:122. Error 9: Invalid character
Ci siamo trasferiti sul .com



Gheddafi vuole espugnare Misurata. La propaganda anticipa i suoi desideri.


clicca qui per le news su Kayenna.com

Gheddafi vuole espugnare Misurata I ribelli resistono all'offensiva di Gheddafi, lottano strenuamente, male armati, male addestrati ma resistono, e muoiono in attesa delle decisioni delle Nazioni Unite e di un intervento internazionale che scongiuri la tanto temuta carneficina.

Le truppe di Gheddafi continuano a bombardare postazioni di ribelli e gente indifesa e disarmata. Le vittime civili affollano ospedali e cimiteri, un testimone ha raccontato ai giornalisti di Al Arabiya di aver visto i corpi martoriati di almeno 30 tra donne, anziani e bambini.

Dal punto di vista “militare” le battaglie principali si svolgono a Misurata, terza città della Libia, che si trova a circa 200 chilometri ad est di Tripoli e Ajdabiya dove i ribelli cercano di contenere l'avanzata delle truppe del dittatore, consapevoli dell'importanza di preservare il controllo di questa città strategica e sperando nella decisione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla no-fly zone.

In Libia la guerra si combatte anche con la propaganda, i giornalisti non hanno grandi possibilità di movimento sul territorio. La televisione di stato Libica ha annunciato che il regime è riuscito ad espugnare Misurata, dove Gheddafi aveva promesso la “battaglia decisiva”; un portavoce dei ribelli racconta invece di una città relativamente tranquilla senza attacchi aerei, morti o feriti e l'emittente Al Jazeera citando fonti mediche locali, parla di 80 morti tra le truppe fedeli a Gheddafi e 18 tra gli insorti. Una situazione tutta da decifrare.

In Libia i ribelli combattono con mezzi di fortuna per cacciare il dittatore.

Articoli correlati

Kayenna in English

Traduci - Translate

Banner

Il Meteo

fbPixel