Google+
Ci siamo trasferiti sul .com



Migliaia di morti in Siria preoccupano le Nazioni Unite che però tardano ad agire.


clicca qui per le news su Kayenna.com

Migliaia di morti in Siria preoccupano le Nazioni Unite che però tardano ad agire. L'incremento delle violenze in Siria nell'ultima settimana preoccupa la comunità internazionale. Le truppe di Bashar al-Assad  hanno lanciato l'offensiva per riprendere il controllo dei sobborghi di Damasco  a soli tre chilometri dalla capitale. La città è sotto assedio, ma la superiorità dell'esercito siriano sull'opposizione è stata finora sufficiente a sedare una  rivolta nata quasi un anno fa nel remoto villaggio di Daraa, ed ora diffusa in quasi tutto il paese.
L'uso di artiglieria e carri armati nelle aree urbane ha esacerbato le proteste e incoraggiato l'uso delle armi da parte dei gruppi di opposizione.

Sabato la Lega Araba ha sospeso la sua missione di osservatore, ritenendo i rischi troppo alti. Le Nazioni Unite non sono riuscite a tenere il conto del numero delle vittime del conflitto  per l'impossibilità di verificare i dati, ma fonti mediche parlano di almeno 5000 morti negli ultimi giorni.
Il regime di Bashar al-Assad ha deciso di resistere fino alla fine, nonostante le pressioni della Lega Araba, che chiede apertamente le dimissioni del presidente e la creazione di un governo di unità nazionale.

Governo e opposizione comunicano di volta in volta il numero dei propri morti. Un portavoce dell'opposizione ha stimato che almeno 100 persone sono rimaste uccise solo tra mercoledì e sabato della scorsa settimana, il governo, nel frattempo, ha fatto sapere che sabato sono stati sepolti 28 soldati e che altri 16 militari appartenenti alle forze di sicurezza sono rimasti uccisi domenica.

L'esercito, della famiglia Assad, dopo mesi di battaglia, comincia a mostrare segni di stanchezza.
Il compito di reprimere la rivolta è stato affidato ai 10.000 soldati della Guardia Repubblicana, e alla Quarta Divisione meccanizzata, con circa 20.000 soldati, entrambi comandati da Maher al-Assad , fratello del presidente, e composti esclusivamente da alawiti .
Esclusa dai combattimenti la maggioranza dei 300.000 soldati delle forze armate siriane che appartengono all'etnia sunnita.


Il segretario generale della Lega Araba, Nabil Elaraby, nella sua missione a New York ha cercato di convincere il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite della necessità di emettere una risoluzione basata sul piano di pace della Lega araba; nessuno però è a favore,  di un intervento militare in Siria, per cui una risoluzione di condanna di Bashar Assad non avrebbe alcuna forza reale.

Articoli correlati

Kayenna in English

Traduci - Translate

Banner
fbPixel