Google+

Denis Verdini resta indagato, ma non si dimette e dice: non raccomandai io Ignazio Farris...


clicca qui per le news su Kayenna.com

Verdini indagato per corruzioneProcura di Roma.

Oggi il procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo ha chiesto conto al coordinatore del Pdl Denis Verdini dei 2.600.000 euro trovati su uno dei suoi conti correnti. Verdini ha dichiarato di averli avuti sei anni fa, nel 2004. Questi milioni, ha dichiarato sempre Denis Verdini sono riferibili soltanto alla cessione di quote del Credito Cooperativo di Firenze dalla cui presidenza, ieri si è dimesso, proprio ieri.

Oggi, prima della perquisizione degli ispettori inviati dalla Banca d'Italia dopo le dichiarazioni dell'ex Presidente dell'Istituto bancario..., si è dimesso anche l'intero consiglio di amministrazione...Il credito cooperativo di Firenze rischia ora il commissariamento...

Circa la nomina di Ignazio Farris alla direzione dell'agenzia Arpas (agenzia regionale per l'ambiente) della Sardegna, Verdini ha negato di aver esercitato pressioni...come pure di aver mai preso parte all'associazione segreta denominata P3 e ammette, per√≤, a propsito della nomina di Farris: " ‚ÄúCarboni mi disse che aveva fatto una promessa e io gli dissi che andava bene. Per me non c‚Äôera nulla di illecito a favorirlo‚ÄĚ.

Non ha confessato, insomma, quanto era invece stato ammesso dal governatore della Regione Sardegna che parlò di esplicite pressioni per la nomina di Farris. Dopo 9 ore in Procura l'indagato Verdini ha affermato:"Io penso di non aver motivi di rassegnare le dimissioni..." Le dimissioni sono state però richieste dal Presidente della Camera e cofondatore del Pdl Gianfranco Fini il quale ha denunciato il bisogno sia politico che istituzionale che i politici indagati rassegnino le proprie dimissioni...per il bene del partito ha aggiunto il finiano Italo Bocchino.

Il Popolo della Libertà, dunque come partito non di "tutte le libertà"... Italo Bocchino ha spiegato inoltre che  "mentre il Pdl sta cercando di radicarsi sul territorio, sarebbe difficile difendere davanti all’opinione pubblica chi teneva nella sede del Pdl riunioni con pluripregiudicati"...riferendosi alle riunioni presso la sede di via Dell'Umiltà a Roma,  come ad altri incontri di Verdini con Dell'Utri ecc. ...

Il viceministro per Sviluppo economico Adolfo Urso, ha sottolineato come  l'ex presidente dell'Istituto bancario fiorentino Denis Verdini dovrebbe manifestare nei confronti del partito "la stessa sensibilità e le stesse motivazioni che lo hanno spinto a dimettersi da presidente della Banca del Credito Cooperativo Fiorentino".

ky News                                      


                                                                     


fbPixel