Google+
Errore
  • XML Parsing Error at 1:869. Error 9: Invalid character
  • XML Parsing Error at 1:122. Error 9: Invalid character
Ci siamo trasferiti sul .com




clicca qui per le news su Kayenna.com

Il Caravaggio è stato ucciso a Palo Si riapre la disputa sulla morte di uno dei protagonisti tra i più controversi del suo tempo, il pittore Caravaggio.
La sua vita romanzesca, fatta di grandi successi, guai con la giustizia, aggressioni e fughe precipitose, si conclude in circostanze misteriose in un giorno di luglio del 1610.
Il suo corpo non è mai stato ritrovato.
Ma come, dove e perché muore Caravaggio? Che fine ha fatto il suo corpo?
Stavolta a riaprire il caso sono le affermazioni di un pittore di Ladispoli, Guido Venanzoni.
“Il sindaco mi ha commissionato un quadro sull’arresto del Caravaggio -spiega Venanzoni- che come tutti sanno è avvenuto a Palo.
Ci sono voluti due anni di studio e quattro mesi di lavoro per realizzare il dipinto che oggi è esposto nell’aula consiliare del comune di Ladispoli”.
In questi due anni ho analizzato minuziosamente tutto la letteratura sul caso Caravaggio – afferma Venanzoni – e sono giunto alla conclusione che l'artista sia stato ucciso nello stesso posto dove è stato arrestato e non a Porto Ercole come sostengono le fonti ufficiali
Perché mai il pittore avrebbe dovuto raggiungere la località di Porto Ercole (e a piedi) che dista quasi 200 km dal litorale romano nel quale, sbarcato, è stato imprigionato e poi rilasciato?
Non doveva portare a Roma, al cardinale Scipione Borghese, le opere che trasportava sulla sua feluca, ora che aveva anche ottenuto il perdono papale per l’omicidio di Ranuccio Tomassoni (anche se il documento della grazia non è mai stato ritrovato)?
Un ipotesi suffragata anche da un illustre conoscitore del Caravaggio, lo storico dell’arte Vincenzo Pacelli.
“Concordo con quanto detto da Guido, La verità è che il Caravaggio non è mai giunto a Porto Ercole ma è plausibile che sia stato ucciso proprio a Palo”.
Non accetto le notizie riportate dalle fonti storiche e per di più tardive. Mi riferisco al Baglioni e al Bellori, perché raccolgono la ricostruzione che ad arte fu affidata alle lettere del nunzio apostolico nel regno di Napoli scritte e inviate a Scipione Borghese nipote di paolo V e segretario di stato Vaticano.
Questo personaggio della Curia Romana, per allontanare ogni sospetto della congiura ordita ai danni dell’artista che con i suoi quadri preoccupava le autorità religiose e controriformate e per vendicare l’offesa fatta al Cavaliere di malta e quindi all’intera casta dei cavalieri, inventa la morte del pittore a Porto ercole.
Queste sono solo alcune delle verità che vorrei raccontare e per questo motivo sono disponibile per ogni contraddittorio
Ho incontrato in questi giorni il pittore Guido Venanzoni, che ringrazio per avermi dato modo di riaprire il caso. Ci siamo subito trovati in piena sintonia. Guido è una persona eclettica capace di dipingere bellissimi quadri come di discutere su argomenti che non fanno parte delle sue conoscenze.
Siamo certi che riusciremo a far luce su un evento storico che presenta ancora aspetti oscuri.
Siamo disponibili a chiarire le nostre affermazioni in qualsiasi sede.

F. D.

 

Tutti protagonisti a Roma per eradicare la Poliomielite nel mondo

Tutti protagonisti a Roma per eradicare la Poliomielite nel mondo Il prossimo 23 febbraio a Roma il Palazzo Senatorio in Piazza del Campidoglio si illuminerà con i simboli del Rotary International e di End Polio Now, campagna a supporto del Progetto Rotariano Polio Plus, nato negli anni Ottanta con l’ambizioso obiettivo di debellare il ferocissimo virus della Poliomielite nel mondo.

Alle 20:00 Roberto Giacobbo e la maison Boccadamo introdurranno alla serata aperta al pubblico. Si illuminerà Palazzo Senatorio (nel 2009 e nel 2011 sono stati illuminati rispettivamente Colosseo e Fontana di Trevi) e partirà il visual show: una proiezione scenografica per far conoscere l’impegno del Rotary per sconfiggere il virus della Poliomielite.

A conclusione del video sul Palazzo Senatorio resterà l’immagine del logo del Rotary e di EndPolio Now, per tutta la notte. Per i presenti sarà possibile farsi scattare una foto nella posizione dei testimonial VIP della campagna (Cucinotta, Gates,etc.), che in tempo reale apparirà sulla Facciata del Palazzo Senatorio. Si creerà infine un grande mosaico con i volti di tutti i testimonial della campagna e della serata, che verrà proiettato sempre sulla facciata del Palazzo.

Ogni cittadino può diventare ambasciatore di un così importante e utile progetto umanitario.

Grazie al lavoro volontario del Rotary dal 1985, più di 5 milioni di bambini sono stati salvati e 2 miliardi immunizzati permettendo di registrare un abbassamento del 99,8% dei casi di persone infette (da circa 350.000 casi l’anno nel 1988 a meno di 650 nel 2011).

Oltre l’impegno del Rotary che è riuscito a raccogliere 200 milioni di USD, vi è stata una nuova donazione di 50 milioni di USD da parte della Fondazione Bill & Melinda Gates, che si vanno ad aggiungere ai già donati 355 milioni di USD.

Restano solo poche aree endemiche da vaccinare: Nigeria, Pakistan e Afghanistan. In India, uno dei paesi più colpiti, non si registrano infezioni da circa un anno, ma è necessario che trascorrano almeno 3 anni senza alcun caso di malattia affinchè il Paese possa essere dichiarato Polio-free. Manca davvero poco per tagliare il traguardo e tutti possiamo apportare il nostro importante contributo.

S.C.

 

alt NOVITA' EDITORIALE

DUE PRESIDENTI E UN'OCCASIONE MANCATA, Kennedy, Kruscev e la fine della guerra fredda

Prefazione di Luigi Rossi

di Beatrice Benocci, Edizioni Plectica

E' con grande piacere che presentiamo l'ultimo lavoro editoriale della nostra collega Beatrice Benocci, che da anni si alterna tra l'attività giornalistica di inchiesta ambientale e la ricerca storica.

Il volume, pubblicato da Plectica di Salerno, ruota attorno al famoso carteggio, conosciuto con il nome pen pal correspondance, iniziato da Kennedy e Kruscev nel settembre del 1961 e conclusosi solo e causa della tragica morte del presidente americano.

Attraverso le pagine di questa vivace corrispondenza, supportata da una attenta analisi documentale, si rivivono i momenti più esaltanti e drammatici della guerra fredda, si apprende come i due statisti affrontano e risolvono i diversi problemi, come soprattutto precorrono i tempi della coesistenza, trovando formule innovative in grado di superare le diverse esigenze e i tanti ostacoli.

L'autrice con una scrittura appassionata e fresca, delinea anche i caratteri dei due protagonisti, il primo, Kruscev, passionale, prolisso nei suoi testi e sempre pronto a inserire aneddoti divertenti, il secondo, Kennedy, sintetico nella scrittura, spesso serioso, ma sempre pronto ad accogliere i suggerimenti del primo. Entrambi sono consapevoli di non aver fatto parte di coloro che hanno portato il mondo nell'abisso della seconda guerra mondiale, entrambi sono convinti di poter condurre l'Umanità verso il futuro, fatto di coesistenza, collaborazione, esplorazione spaziale.

 

Jimmy Wales raccoglie 7,5 milioni di dollari per wikipedia.

wikipedia L'appello lanciato da Jimmy Wales fondatore dell'enciclopedia libera wikipedia ha dato i suoi frutti: a fine 2009 diceva "ci vorrebbero almeno 7,5 milioni di dollari per fare in modo che tutto rimanga aperto e libero da pubblicità"... e 7,5 milioni di dollari sono stati. Chi sa quanti italiani hanno partecipato a questa raccolta fondi! In italia la diffusione del personal compurer ha solo da poco superato il 50% e la copertura della banda larga è un dato su cui si preferisce soprassedere. Siamo comunque felici per Jimmi e per la sua Wikipedia e per tutti i fortunati fruitori di questa importantisima iniziativa.

"Wikipedia offre un potere straordinario alle persone, di fare qualcosa di altrettanto straordinario - ha dichiarato Wales nel suo appello - Persone come noi che contribuiscono a Wikipedia, parola per parola. E persone come noi la sostengono economicamente. È la prova del nostro collettivo potenziale di cambiare il mondo".
Che bello, sognare di cambiare il mondo ma per quel che ci riguarda ci piacerebbe cominciare a cambiare questo nostro bellissimo paese, dove ci sono interi quartiere o meglio piccole città che non hanno il privilegio di potere accedere alla grande rete, che si barcamenano con improbaili e costose coperture wifi o satellitari per accaparrarsi pochi kb di connessione.

L'italia sta ancora una volta perdendo il treno per il progresso.

 

Tra immigrati che raggiungono la famiglia e vacanzieri sedici milioni in viaggio per le feste.

auto in viaggio- Partono da Milano 580.000 (3 milioni dalla Lombardia), da Torino 320.000, da Genova 180.000, da Bologna 130.000, da Firenze 110.000, da Roma 820.000, in aumento rispetto al 2008; ma diminuiscono la durata dei soggiorni e le spese
- Destinazioni preferite in Italia: montagna e città d’arte.
- In calo le mete esotiche
- Gli stranieri in calo.
Milano – Il Cescat-Centro studi casa ambiente e territorio di Assoedilizia – elaborando le previsioni degli operatori e integrandole con propri dati – stima che, tra vigilia di Natale ed Epifania, circa 580.000 milanesi lasceranno la città (oltre 3 milioni la Lombardia) passando fuori casa almeno una notte.
Di questi, 230.000 trascorreranno anche il giorno di Natale fuori Milano: gli altri 350.000 partiranno a cominciare da Santo Stefano. 
Una proiezione sulle grandi città italiane maggiormente interessate dai movimenti natalizi: da Torino partiranno 320.000 cittadini, da Genova 180.000, da Bologna 130.000, da Firenze 110.000, da Roma 820.000.
Dopo i buoni risultati del ponte dell’Immacolata, sembra confermarsi una voglia di evasione figlia della crisi e delle incertezze, ma anche dei primi timidi segnali di ripresa. Pure le previsioni nazionali confermano questa impressione: si muoveranno 16 milioni di vacanzieri, il 2,4% in più dello scorso anno. La spesa totale prevista è pari a circa 11 miliardi di euro. Prezzi sostanzialmente stabili.
Molte le promozioni, le offerte e gli sconti approntati dagli operatori per attirare il maggior numero possibile di turisti.
In calo le presenze straniere, valutate attorno al 4%, sia per la congiuntura ancora instabile sia per l’euro forte nei confronti di dollaro e sterlina.
Più spostamenti, ma vacanze più brevi e più vicine, che non compenseranno i risultati complessivamente negativi dell’intero 2009. 
Sul fronte del rapporto qualità-prezzo dei servizi offerti continua a giocarsi la capacità dell’Italia di competere con i principali concorrenti esteri, mentre i dati degli arrivi ma soprattutto della spesa degli stranieri registrano un calo anche nella seconda parte del 2009.
Una curiosità: è in corso un progressivo abbandono delle agenzie di viaggio e dei tour operator a fronte della crescita del ricorso ai portali turistici che propongono voli, pernottamenti, “pacchetti” di viaggio in genere più numerosi e convenienti.


Comunicazione Assoedilizia-Cescat sito www.assoedilizia.com

 

Pagina 16 di 16

«InizioPrec.111213141516Succ.Fine»

Kayenna in English

Traduci - Translate

Banner

Il Meteo

fbPixel