Google+
Errore
  • XML Parsing Error at 1:869. Error 9: Invalid character
  • XML Parsing Error at 1:122. Error 9: Invalid character
Ci siamo trasferiti sul .com



"100mila Poeti per il Cambiamento", una settimana dopo!


clicca qui per le news su Kayenna.com

«La forza non deriva dalla capacità fisica, deriva da una volontà indomita». (Gandhi)

Per farvi il punto della situazione, devo sicuramente citare per prima cosa le cifre di questo importantissimo giorno del 24 settembre 2011, la più grande giornata poetica mondiale mai organizzata nella storia della poesia;

700 eventi,  550 città, 95 nazioni: Italia, Stati Uniti, Australia, Asia, India, Colombia, Zimbawe, Argentina , Albania, Afghanistan, Austria, Bolivia, Botswana, Brasile, Bosnia e Herzegovina, Armenia, Canada, Bulgaria, Cile, Costa Rica, Repubblica Ceca, Egitto, Finlandia, El Salvador, Spagna, Francia, Gambia, Gran Bretagna,  Germania, Grecia, Guatemala, Ungheria, Costa d’Avorio, Giappone, Jamaica, Kosovo, Malawi, Malaysia, Malta, Filippine, Portogallo, Perù, Paraguay, Turchia, Venezuela, Thailandia, e moltissime altre.

La Poesia ci riporta alla nostra condizione umana, restituisce quella dimensione a volte smarrita, di appartenenza alla Terra, all’esistenza, all’esistenzialismo, come piacerebbe a molti sopraffini, ma credo, che più di esistenzialismo, si può parlare di presa di coscienza, di responsabilizzazione, di passi calcati su di una sabbia, che è la Storia contemporanea, che le maree del tempo cancelleranno, ma i suoi passi resteranno nel racconto di testimonianza di una quotidianità difficile, che è quella che ci troviamo a vivere attualmente.

Se ci fermiamo a riflettere su un dato, che è quello dei 700 eventi avuti nel mondo il 24 settembre 2011, possiamo sicuramente abbozzare un sorriso, non di compiacimento fine a se stesso, ma di una unione poetica attraverso una Poesia impegnata e attraverso soprattutto la costituzione del World Poetry Movement, che ha deciso di prendersi le sue responsabilità, nei confronti di un genere umano sfruttato, umiliato, di una Vita mortificata nella sua attuazione e comprensione, di un amore e di una pace spesso occultati.

Ecco, credo che il compito della Poesia, è quello di farsi portavoce di tutte le ingiustizie perpetrate dall’uomo-non uomo contro l’Uomo, un uomo fatto di dubbi, di abitudini stanche, di meccanismi alienanti che l’hanno distratto attraverso un pro-durre, inteso come condurre a favore di o di cosa?

Nella nostra misera visione, forse abbiam perso l’obiettivo fondamentale del Vivere, può sembrare retorico, ma il tacere, il darsi il pizzico a voce muta, l’annichilimento dei sentimenti conduce alla rovina, Noi non siamo delle braccia operose senza un sentimento d’Amore, ma siamo dei costruttori di Vita e di qualità futura di Vita, per questo invito tutti coloro che ancora fossero in dubbio, a farsi carico del proprio piccolo compito di cambiamento. Se non ora quando?

 

Salerno ha risposto meravigliosamente all’invito dei "100mila Poeti per il cambiamento", tenutosi presso la Sala del Gonfalone del Comune, con una grande affluenza di pubblico, giovane e meno giovane, per costruire attraverso la propria partecipazione, un mattone di speranza  nel grande pilastro dell’amore che deve sostenere le nostre Vite e la nostra Terra.

La partecipazione di Poeti e di lettori, non di attori, ha voluto dimostrare che il Poeta è un essere umano, con tutti i suoi limiti e imperfezioni, ma Vivo, nessun frutto scenico, nessuna costruzione, semplicemente dire che il Poeta è qui, in mezzo alla Vita, come tutti, e prende atto di una consapevolezza, si fa portavoce anche attraverso una lettura imperfetta, mi riferisco a tutti coloro che hanno partecipato ad una lettura in pubblico per la prima volta, regalando comunque una testimonianza, mettendosi in discussione senza vergogna, questo credo sia il primo passo umile da farsi, il mettersi in discussione per divenire strumento.

"100thousand Poets for Change", si ripeterà nel 2012, Salerno ha dato già conferma della sua presenza, e lotterà affinchè l’evento rimanga libero da ogni possibile tentativo di strumentalizzazione e politicizzazione, perché la Voce e le Parole, possano librarsi sempre alte nei cieli della sordità.  

http://www.youtube.com/watch?v=und2zSH26qs&feature=share  (video serata 24/09/2011) 

http://www.bigbridge.org/100thousandpoetsforchange/?cat=733 (pagina ufficiale di 100Thousand Poets for Change)

http://www.wpm2011.org/  (sito ufficiale del WPM)

                                                                                                                                         

                                                                                                                                     Valeriano Forte

 


Articoli correlati

Kayenna in English

Traduci - Translate

Banner

Il Meteo

fbPixel