Google+
Errore
  • XML Parsing Error at 1:869. Error 9: Invalid character
  • XML Parsing Error at 1:122. Error 9: Invalid character

Paese che vai leggenda che trovi... a passeggio per Roma


clicca qui per le news su Kayenna.com

A cura di Massimiliano Liverotti

Roma via Tuscolana Roma. Giunti sulla Via Tuscolana...troviamo un' antica tomba.

Noto col nome di Monte del Grano o anche come Mausoleo di Alessandro Severo, il sepolcro si trova in piazza dei Tribuni, presso il mercato nel quartiere del Quadraro. Dall’aspetto questa tomba potrebbe sembrare una piccola collina con intorno piante di ulivi. A circondare il sepolcro tutti i palazzi che le sono stati costruiti intorno con il boom industriale degli anni '60 e '70...

L’imponente mausoleo si trovava anticamente su una strada, oggi scomparsa, che congiungeva la via Latina con la via Labicana. Una leggenda parla di un raccolto effettuato in un giorno festivo, che una divinità volle rendere inutilizzabile colpendolo con un fulmine che trasformò il grano raccolto in terra. In realtà, come abbiamo detto, si tratta di un sepolcro, a forma di cono rovesciato, molto simile ad un moggio  (modium grani ), la cui struttura ne ha determinato per corruzione il nome con cui tuttora viene chiamato.
In origine era ornato con blocchi di travertino, di cui oggi non rimane più niente in quanto sono stati rimossi nel 1387 da Nicolò Valentini che allora era proprietario del terreno in cui si trovava il sepolcro.
In alcune illustrazioni del 500 sulla sommità del sepolcro si nota una torre, la quale secondo un’iscrizione posta su una lapide andata perduta, sarebbe stata eretta da un membro della famiglia Alberti di Parma proprio in quegli anni. Infatti sulla lapide vi sarebbe stata la scritta con caratteri di terracotta: “ANTONIO DE ALBERTI DI PARMA FECIT 1505 “
La torre fu restaurata grazie agli interventi di consolidamento di Filippo Lovatti nel 1870 ma crollò improvvisamente nel gennaio del 1900 a causa di un violento nubifragio.
Verso la fine del 1900 fu scoperto all’interno del Monte del Grano un colossale sarcofago che, per una errata interpretazione di un pilastro raffigurante degli episodi, si ritenne collegato ad Alessandro Severo e a sua madre Giulia Mammea. Per questo motivo, si ritenne che il Monte del Grano fosse il mausoleo dell’ultimo dei Severi.
Le vicende illustrate sul pilastro non erano quelle di Alessandro Severo però, bensì di Achille ( III secolo d.C.). Il sarcofago si trova oggi al pian terreno dei Musei Capitolini.
Nel sarcofago del Monte del Grano fu rinvenuto anche uno dei più preziosi esempi dell’arte del vetro cammeo: il famoso vaso Portland che dal 1810 si trova al British Museum dove è stato portato dal quarto duca di Portland. Il prodotto è realizzato in modo raffinato, in stile classicistico, in vetro blu scuro dai riflessi violacei e forse faceva parte di una ricca committenza che avrebbe illustrato la nascita di Alessandro Severo.

Secondo studi attuali, in realtà, tale ipotesi risulterebbe infondata in quanto il bellissimo vaso è datato al periodo augusteo, antecedente quindi all'epoca in cui visse Alessandro Severo...



Articoli correlati

Banner

Il Meteo

fbPixel